Vita Reale

Un Sabato tra Città di Castello, Patagonia, Anghiari, Sansepolcro e Vespa.

Buon pomeriggio miei cari 25 lettori… Anzi, a dire il vero ora sarete anche meno, vista la frequenza con cui mi trovo ad aggiornare questo spazio… Sono tornato per raccontarvi di una giornata passata in compagnia di vespisti doc, sabato scorso. Sono stato a lungo indeciso se scrivere o meno un post, anche perchè il tono è troppo distante dal grigiore nel quale sono precipitato ultimamente, ma (non) spero che raccontando di cose belle si riesca a recuperare un po’ della spensieratezza perduta.

Vi ho già parlato del libro di Lorenzo Franchini, ‘Hasta la Fin del Mundo…in Vespa!’, di quanto mi abbia colpito, della mia intenzione di conoscere l’autore e magari in futuro affrontare anch’io qualche viaggio in vespa… Ebbene, ho avuto il piacere di presenziare a ben due presentazioni del volume: la prima, effettuata nella mattinata, presso l’Istituto per Geometri ‘Salviani’ di Città di Castello (per la verità è stata una conferenza sul tema della letteratura di viaggio, voluta dal Prof. Roberto Contu, anch’egli noto vespista), la seconda, più tradizionale, presso la Libreria “Nel Frattempo” di Sansepolcro. Tra questi due momenti culturali “teorici”, anche una piacevolissima visita ad Anghiari, guidati dall’ottimo Andrea Gnaldi Coleschi, sul cui conto vi parlerò più avanti (non è una minaccia…)

Istituto per Geometri Salviani, Città di Castello, Perugia

Lorenzo, il sottoscritto e Roberto davanti alla scuola

Ma andiamo con ordine: arrivo a Città di Castello alle ore 10.50, peripezie per trovare il ‘Salviani’, peripezie per trovare l’Aula Magna, ma poi Roberto risolve tutto e due minuti più tardi sto stringendo la mano al grande Lorenzo Franchini accompagnato dalla moglie, anche lei vespista (e si spiegano molte cose). Mi godo l’eloquio promettendomi di leggere “In viaggio con Charley“. Sempre in mattinata conosco tale ‘AndyG‘ del forum, a prima vista una delle persone più gentili che io abbia mai conosciuto: vengo a sapere che anche egli ha scritto un libro raccontando il suo viaggio da Torino a Pechino a bordo di una Fiat Marea e così instantaneamente decido il prossimo libro da leggere.

Mi faccio scrivere una dedica da Lorenzo, pranziamo in una tavola calda vicino alla scuola (grazie Roberto) e dopo il primo caffè ci trasferiamo ad Anghiari. La temperatura è primaverile e decido di lasciare in macchina giacca e maglione (si rivelerà una pessima scelta). Ritroviamo il suddetto ‘AndyG’, e, ricostituito il quanto mai eterogeneo gruppo, procediamo tra i vicoli di Anghiari, che scopro essere un paese affascinante e ancora vivo nel suo cuore storico. Visitiamo anche il museo cittadino, usufruendo delle spiegazioni esaustive di Andrea, che dimostra di meritare il posto da Consigliere Comunale per la sua conoscenza di tutta la storia del territorio circostante!

La Piana della Battaglia, vista da Anghiari

La Portaccia di Anghiari

La piana della battaglia (1404) e la Portaccia di Anghiari, famosa per il furto del “catorcio”.

Ci spostiamo dall’altra parte della vallata, verso il borgo di Sansepolcro, e dopo il secondo caffè, ascoltiamo Lorenzo parlare ancora del viaggio in Patagonia davanti ad un folto pubblico costituito perlopiù da signore di mezza età molto interessate a tutti i dettagli della spedizione. Qui ho modo di conoscere anche tanti altri finora ‘mitici’ vespisti: Scerpe, Clafo, Federix, Uno, Tuttomio, Brunello, Guido, CausinJerry… sicuramente ne dimentico qualcuno e in quel caso perdonatemi! All’interno della libreria riesco ad acquistare il libro di Andrea “Aregolavanti!“.

E’ ormai ora di cena quando la presentazione finisce, così ci trasferiamo all’Osteria “Il giardino di Piero” (in cui lavora un altro viaggiatore compagno di Andy nel viaggio per Pechino) e ci concediamo un’ottima cena ristoratrice. Da segnalare la mia sopraggiunta incapacità di trasferire i cibi dal vassoio al piatto, lacuna fortunatamente colmata dal ‘solito’ Andrea che ci mette una pezza con la sua provata esperienza da cameriere.

Si ritorna verso casa (non senza aver preso l’ennesimo caffè ‘sturalavandini’), augurando buona fortuna a Clafo (l’unico in Vespa, da Santarcangelo di Romagna) e sperando di incontrarci presto a bordo delle Vespa! Io personalmente torno a casa contento, con due libri autografati dai rispettivi autori (di cui uno da leggere), un acquerello e una guida turistica di Anghiari, un portadocumenti firmato ‘Vespa Club Santarcangelo‘ (gentilmente offerto dal presidente Clafo – e credo proprio che m’iscriverò) e tanta voglia di fare km!

A presto e grazie per l’attenzione.

P.S. Oggi ho finito di leggere il libro di Andrea, ‘Aregolavanti‘, e ve lo consiglio di cuore. E’ un appassionato diario di bordo del viaggio in auto fino a Pechino, che aiuta a conoscere una parte del pianeta un po’ sottovalutata, almeno a mio parere. Per ulteriori informazioni, vi rimando al sito internet della spedizione!

Tags

andrea

Volevo solo essere Reggie Miller.

Related Articles

7 commenti

  1. E bravo Torto (sei piccino)sono felice che gli amici vespisti ti abbiano entusiasmato,o meglio Volisti (Vespaonline)e spero di incontrarti di persona anch’io prima o poi,magari percorrendo qualche bel paesaggio assieme alle nostre beneamate (vespa)e condividere le proprie esperienze ed emozioni che le beneamate ci trasmettono.
    Ti faccio i complimenti per la tua descrizione della giornata trascorsa con Lorenzo e soprattutto dei luoghi visti,molto belli e affascinanti e ti auguro che questa giornata possa essere la prima di una lunga serie assieme ai Volisti.
    Ciao,Flavio.

  2. Anghiari è indubbiamente bellissima a primavera ;D
    Però devi aggiornare più spesso o ti daranno per morto. Stavolta sono viva io, come auspicato, canticchiando Thursday watch the walls instead =D
    Martina

  3. Ciao Omonimo! mi ha fatto un gran piacere leggere queste righe sulla giornata di sabato scorso! e poi gli apprezzamenti per Anghiari non possono far altro che inorgoglirmi! Proprio una bella giornata.. ti puoi immaginare cosa sarebbe una situazione come quella, con il caldo primaverile e una buona quantità di Vespa?? A presto “Torto”, in sella però!
    saluti!
    \ag
    ps: alla prima occasione mi darai un tuo parere su “Aregolavanti!”

  4. Ciao Andrea, bel racconto! Grazie per avermi citato direttamente con “il premio dell’unico in vespa”… Sono stato molto bene quella sera con Voi… vecchie facce, vecchi amici… nuove facce, vecchi amici…
    A presto per una giro in vespa, magari vengo a Perugia a portarti la tessera del Vespa Club Santarcangelo di Romagna (tutt’attaccato senza apostrofo,scusa la pignoleria…), neo socio…
    Ciao. Clafo.

  5. Grazie a tutti voi per aver commentato!

    @Flavio
    Spero di incontrare presto di persona anche te, e fare qualche giretto… Magari al prossimo raid 🙂

    @Andrea
    Beh, la vespata ad Anghiari possiamo sempre organizzarla una domenica, sarebbe fantastico! Aregolavanti mi è piaciuto molto, mi sembra di aver viaggiato con voi, poi in privato ti racconterò in dettaglio!

    @Clafo
    Grazie del commento Presidente 🙂
    Ti aspetto a Perugia per la tessera! (ma io voglio anche la fascia da mettere sul parabrezza !!!)
    P.S. Ho corretto il nome, grazie!

  6. Ciao Andrea e grazie mille per il bel pomeriggio passato insieme. E’ vero Anghiari è meravigliosa e ringrazio anch’io Andrea (AndyG) per la visita, è stato una giuda eccezionale.
    .. lo sapevo che senza golf e giacca avevi freddo ma non ho voluto fare “la mamma” e non ho detto niente …. 😉
    Buon viaggi in vespa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche
Close
Back to top button
Close