Musica

Il giovane Mario testo – Brunori Sas – Vol.2 Poveri Cristi (2011)

In anteprima esclusiva per IlTorto, ho l’onore di pubblicare i testi del nuovo CD di Brunori Sas in uscita il 17 Giugno per Picicca.

Ecco a voi quindi il testo della prima traccia del disco, “Il Giovane Mario“, di Brunori Sas. Ringrazio Rossella che con animo certosino ha trascritto i testi, e vi invito a proporre correzioni qualora ve ne fosse bisogno!

Poveri Cristi Brunori Sas

Il giovane Mario voleva esser milionario

perciò spendeva quasi tutto il suo salario in gratta e vinci e slot-machine

sognava sempre di comprare quel  mega-televisore che aveva visto al centro commerciale

tornare a casa fare una sorpresa ai suoi bambini e poi guadare tutti insieme il quiz alla tv

perciò il giovane Mario finì per vivere al contrario

s’indebitò fino ai capelli

e di capelli non ne aveva quasi più

tornava tardi la sera con una specie di cena

quattro bocche enormi da sfamare

in quelle sere che faceva un freddo cane

così freddo che anche il cane un giorno smise di tremare

 

Amore mio dolcissimo

non ti devi preoccupare

io sono un grande giocatore

e troverò il sistema anche per vincere la fame

forse hai puntato su un cavallo perdente

ma ho tre biglietti della lotteria

amore credimi nell’anno che verrà

ci lasceremo dietro la miseria e la malinconia

 

ma il giovane Mario strappava i giorni al calendario

e ad ogni fine del mese, da povero cristo, ricominciava il suo calvario

ad ogni nuova stazione cadeva la croce sopra il foglio di una cambiale

e fu così che da una notte all’altra senza neanche pensarci il giovane Mario decise di mollare

 

Amore mio dolcissimo

io vi devo abbandonare

perché ho giocato troppe volte nella vita

e è con la vita che ora devo pagare

quello che resta della mia miseria sta tutto chiuso in questa scrivania

amore credimi il dolore passerà e brinderete alla mia assenza

senza malinconia

 

ma il giovane Mario non fece i conti col solaio

e con la corda appesa attorno al collo si tirò addosso il lampadario

quando riprese coscienza aveva un gran mal di testa

e tutto intorno letti d’ ospedale

nella sua mano quella di Maria,

Maria con gli occhi di una madre che perdona l’ennesima bugia.

Tags

andrea

Volevo solo essere Reggie Miller.

Related Articles

3 Comments

  1. io ho provato a tirarli giù guardando un suo video dal vivo a repubblica, dove la fa da solo con la chitarra.
    Capo sul 5° tasto, quindi viene in Sol mentre l’originale al piano è in Sib. Gli accordi li scrivo partendo dal Capo, quindi invece di Sol scrivo Re per intenderci… L’accordo che ho denominato Sibdim non so se sia esattamente quello comunque sarebbe circa x12330, e Sol4+ sarebbe 32002x (anche questo non so se il nome sia effettivamente questo, forse è Sol5dim…).

    Intro: Re La4/La

    Strofa: Re Sibdim Re La4/La Re Sibdim Re Re7
    Mim Mim7 La4 La Mim Mim7 La4 La Sol4+ Sol4+ Sol Sol

    Rit: Re Re Fa#m Fa#m Mim Mim7 La4 La Mim Mim7 La4 La Mim Mim7 La4 La

    Coda: Re Re7+ La4 La

    La sequenza delle parti penso che sia immediata. Io ho seguito il suo video
    http://www.youtube.com/watch?v=V4MrWGMFG-w

    Ditemi che ne pensate, se avete delle modifiche o altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close