Musica

Ho torto e marcio – Prolet testo

Seconda traccia dell’EP INDIETROLL – Novembre 2011

meravigliosa notte,
paradossale che il buio
anzichè celare riveli

intrecci preziosissimi
che giacciono sui clivi
di una relazione sincera

per quanto parossistica
la jena
ricalca ambiguamente la scena

io che rincorro
insalubre una bandiera
fottendo la felicità

Testo Indietroll Prolet

io sono le tue sigarette fumate,
la birra bevuta, gli hamburger
mangiati e gli obesi


lo sai ti darò sempre amore
ma in fondo
farò più danni che mai

chi dice di avere ragione non si sposta
gli altri camminano o corrono
in cerca di nuove prospettive
io ho torto. marcio.

lo sai va di moda sembrare un po’ gay,
ma tu dimmi l’hai mai provato?
o credi ancora alla favola che
ci sia qualcosa di sbagliato?

se questa casa fosse
una persona
io di certo sarei l’appendice

un tempo avevo forse
una funzione
ma nessuno la ricorda più

venendo a cose spicciole
io penso
che nella vita non valga la pena
giudicare gli altri per quello che fanno
piuttosto pensate a godere per voi

lo sai va di moda sembrare un po’ gay,
ma tu dimmi l’hai mai provato?
o credi ancora alla favola che
ci sia qualcosa di sbagliato?

lo sai va di moda sembrare un po’ gay,
ma tu dimmi l’hai mai provato?
o credi ancora alla favola che
ci sia qualcosa di sbagliato?

Tags

andrea

Volevo solo essere Reggie Miller.

Related Articles

Un commento

  1. Il testo pirandelliano è stato modificato e adattato in diversi passi, per rendere più fluido e credibile il monologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close