Metagrifo

1\Metagrifo:ermeneutica di serie D\ Nuovo modulo: 3-4-2 o 4-4-1 ?

Inauguriamo oggi “Metagrifo: ermeneutica di serie D”, una rubrica che, come dice il nome stesso, consta di osservazioni disincantate circa la  vita sportiva dell’A.S.D. Perugia, con occhio ludico e pseudo-filosofico. Scritto da un ventenne che del Perugia si ricorda lo spareggio con il Torino perchè lo mandarono su Tele+, che non ha mai giocato a calcio, ma è di natura curiosa e impicciona e si è ritrovato con un abbonamento per le partite casalinghe del Grifo 2010/11 – anche se in serie D. Sì lo so, sembra impossibile…

Stadio Renato Curi

Ieri s’è visto chi il Perugia lo tifa veramente, cioè tutti quelli che hanno finto una malattia o scambiato il turno con quello di notte per essere al Curi in un freddissimo e piovoso giovedì di Gennaio, alle 2 del pomeriggio, per un quarto di finale di di Coppa Italia… dilettanti… S’è sofferto, non c’è che dire! “Certo che Damaschi poteva anche madarci tutti in tribuna invece che a prendere l’acqua in curva”. Ma c’è anche chi in curva ci sta bene, se vinci se perdi puoi star sicuro che ecc ecc…

Il problema è che, dopo aver sborsato 8 euro, la partita è pure noiosa. Il primo tempo somiglia davvero…mhm…ad un allenamento di una squadra di serie D? Beh, forse questo paragone è un po’ infelice! Il campo è pesante, e nessuna delle due squadre sembra volersi fare del male; per la prima volta la tifoseria ospite quasi supera quella di casa (saremo arrivati a 300?) e la prima frazione finisce tra le lacrime di Zeus che cominciano a scendere copiose. Quasi che tornerei a casa, i piedi non li sento più… come quel Perugia-Juventus in cui piovve a dirotto (ricordate?), avrò avuto 10 anni, e uscimmo prima dallo stadio…

Fortuna che nel secondo tempo qualcosa cambia, i grifoni sono un po’ più dinamici e si affacciano finalmente sotto la Nord (deserta). Tuttavia, ancora troppo poco per pungere i nervosi chioggiotti (ma il 3 che problemi c’aveva?)… Il tempo scorre e qualche giocatore non sembra felicissimo di stare in campo, così mister Battistini sostituisce Corallo (che si fionda negli spogliatoi – senza passare per il via) con Bartolini: tempo cinque minuti e il nuovo entrato incorna su calcio d’angolo battuto da Mariani (classe ’93, non ci posso credere che è più piccolo di me!) e ci ripaga, se non del biglietto, almeno della pioggia.

Alla fine i veneti ci provano in tutti modi, forse colpiscono anche un legno (ma in quel momento ero distratto, non ho visto bene), ma Riommi (non è possibile…’92!) si difende bene e il Perugia accede ai quarti di finale evitando la lotteria dei rigori (al quale, in realtà, sembrava che le squadre aspirassero, almeno nel primo tempo): si ripete il rito – quest’anno frequentissimo – del tuffo sotto la curva da parte dei giocatori, applaudito da pochi, coraggiosi Ingrifati.

E adesso? Verrebbe da dire “tutti a Colle val d’Elsa!”, ma in realtà, per esser precisi, diciamo “500 a Colle val d’Elsa!”. D’altronde, si sa, questi stadi non hanno fisicamente la capacità di contenere la “fama che tremar li fa” (cit.). A proposito della partita ventura, c’è grande curiosità sul modulo tattico da adottare: c’è chi dice 3-4-2, chi 4-4-1 come nell’ultima partita e chi ventila addirittura un 4-3-2: staremo a vedere! Del resto, giocare un’intera partita in undici è troppo facile!

I commenti sono bene accetti, il futuro di questa rubrica è nelle vostre mani, fatemi sapere cosa ne pensate!

GRIFO

andrea

Volevo solo essere Reggie Miller.

Related Articles

3 commenti

  1. Nooooo. Ma perche’ sete usciti prima quel Perugia-giuventus… ke goduria!

    Non mollarla sta rubrica. Ed al Curi si va sempre. Non se po’ manca’!

  2. Ciao Andrea, intanto grazie per l’ interessamento e la visiita sul blog.
    Ho chiaramente letto la tua rubrica, molto carina e sicuramente da continuare, tutto ciò che è Grifo, dalle cose serie alle cazzate ( come nel nostro caso ) penso debbano continuare.
    e’ un discorso chiaramente di passione ma forse anche e sopratutto identitario.
    Per quello che riguarda Arintignamo noi siamo sempre aperti a tutti, se ti è capitato di vedere il blog nella sua interezza hai notato che ci sono delle sezioni dove tutti possono scrivere quello che vogliono.
    Se hai delle idee in particolare faccele sapere, chiaramente, se possibile, sempre iin linea con il blog, ovvero cazzate…
    Un saluto e chiaramente forza Grifo!
    Daniele.

  3. In bocca al lupo e benvenuto nel mondo del Grifo … tifoso per caso? Non importa, non diremo come nella pubblicità Ahi! Ahi! Tutt’altro. Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button