Post Taggati: flaminia civita castellana

2\Metagrifo:ermeneutica di serie D\ I Taccucci di Bartolini

1 febbraio 2011

State leggendo: “Metagrifo: ermeneutica di serie D”, una rubrica che, come dice il nome stesso, consta di osservazioni disincantate circa la  vita sportiva dell’A.S.D. Perugia, con occhio ludico e pseudo-filosofico. Scritto da un ventenne che del Perugia si ricorda lo spareggio con il Torino perchè lo mandarono su Tele+, che non ha mai giocato a calcio, ma è di natura curiosa e impicciona e si è ritrovato con un abbonamento per le partite casalinghe del Grifo 2010/11 – anche se in serie D. Sì lo so, sembra impossibile…

Francesco Rampi Perugia

Innanzitutto grazie per la calorosa accoglienza riservata alla prima puntata di questa nuova rubrica, un successo davvero inaspettato che mi permette di proseguire con rinnovato impegno. In particolare voglio ringraziare Saint Just e tutto lo staff di Forza Perugia, che mi ha assicurato una certa visibilità tramite un link sul sito suddetto, uno dei più seguiti della galassia Perugia.

Veniamo a noi: domenica il nostro Grifo ha giocato in casa, e ha vinto 1-0 con il Flaminia Civita Castellana. Una squadra che è apparsa subito ben piazzata in campo, non certo stellare, ma coriacea, ostica, combattiva; tanto che i grifoni per tutto il primo tempo assediano la metà campo avversaria, senza però graffiare mai più di tanto… Anzi, quasi che le occasioni più spinose le stoccano i laziali, bravi a chiudersi a riccio e giocare di rimando. Primo tempo un po’… stagnante… Eh sì, perchè il campo è irriconoscibile: il bel manto del Curi, “ai miei tempi” uno dei migliori in Italia, ricorda oggi certi scorci palustri verso Passignano… Ora, non so come sia il campo, ad esempio, della Sestese, però forse bisognerebbe pensare di coprire il Curi in qualche modo e, appena finita la stagione, fare un intervento radicale per drenare l’acqua. In alternativa, si potrebbe convogliare la suddetta acqua nel su-suddetto lago, che ne ha bisogno. Due piccioni con una fava.

(altro…)